Discussione:
Moni Ovadia. 'E' la retorica nazifascista del nemico alle porte'
(troppo vecchio per rispondere)
giovanni2
2008-07-12 17:10:28 UTC
Permalink
Dobbiamo creare un grande movimento che travolga queste misure
indegne. Circola un pessimo clima in questo Paese. Rischiamo di finire
nell'abbrutimento. La gente ha sentimenti di paura, e questi
sentimenti vengono dall'insicurezza sociale. Dal non arrivare alla
fine del mese, dal non sapere quale sarà il futuro loro e dei loro
figli. Allora è facile che cadano nella trappola della demogagia.
Dobbiamo fare capire loro che dietro quella trappola non c'é solo il
pericolo per il Rom o per altri, ma c'è anche il pericolo per la sua
vita e la vita dei suoi figli. E' un Paese incattivito, spaventato da
pericoli immaginari, un Paese pericoloso per se stesso. Allora bisogna
pian piano lavorare su questo problema. Io sono molto orgoglioso di
sapere che abbiamo una rivista come Famiglia Cristiana, che ha scritto
l'articolo più duro, più chiaro, più emotivo, facendo riferimento ai
valori cristiani. Bisogna far capire che se Gesù nascesse adesso
nascerebbe in un campo nomadi, piaccia o non piaccia. E se non si
capisce il valore profondo dei principi etici, laici o cristiani che
siano, allora è la deriva, non si sa dove si va a finire. Sarebbe bene
coinvolgere tutti, aldilà degli schieramenti politici. Per un
cristiano che si riconosce come tale, l'aggressione all'umile,
all'indifeso, al degradato, è un vulnus stesso al Cristianesimo.
Cristo scelse di esercitare il suo magistero tra gli umili, tra gli
ultimi, tra i disperati. Ignorare tutto ciò significa far implodere il
Cristianesimo sotto una crosta insignificante. Molti cristiani sentono
questa urgenza di protesta, e meno male. Per quanto riguarda gli
ebrei, va da sé che solo una parte fa il loro dovere, qualcuno cerca
di barcamenarsi non tanto in cambio di piccoli favori personali, ma
occhieggiando al governo di Israele. Questa è una cosa molto brutta.
Naturalmente, le fedi protestanti, come i valdesi, sentono fortemente
questi valori, ma anche nella società civile laica c'è una certa
tensione. Ma poiché ci sono stati anni di remissività del Paese, c'è
bisogno di trovare parole di dissenso forti, perché questo centro-
destra, non è un centro-destra: i conservatori francesi, i gollisti,
prima di tutto sono antifascisti, i conservatori tedeschi di Angela
Merkel hanno una robustissima fibra democratica antifascista, così
come i conservatori britannici di Cameron. Questo centro-destra
populista e demagogico è un fenomeno solo italiano. Vediamo come anche
la dialettica politica spagnola funzioni meglio che da noi. Il nostro
Paese ha lasciato andare il dibattito su certi valori pensando che
ormai fossero acquisiti. Bisogna riaffermarli ogni minuto. I valori
che salvano, li conquisti, non te li regala nessuno. Credo che questo
centro-destro abbia come alleato una parte di senso comune che emerge
nei momenti di difficoltà sociale. E' ovvio che la demagogia soffia
sul fuoco. Con uno stipendio medio non si arriva alla terza settimana,
i figli non si sa che vita avranno, siccome non si è in grado di
risolvere tali problemi a livello politico, cosa fa il demagogo? Dice:
sai, è tutta colpa di quello lì. Se non ci fosse lui, se lui fosse
sotto controllo, andrebbe tutto meglio. E' falso. E' falso. Vessare i
Rom e i Sinti, in che modo migliora la sicurezza degli italiani? E'
una bugia come un'altra, in Germania lo dicevano dei Rom e sopratutto
degli ebrei. Sono le stesse argomentazioni usate contro gli ebrei.
Identiche. Si diceva: non sono come noi, non hanno riconosciuto
Cristo, stanno sempre tra di loro, si aiutano tra di loro. Molti
caporioni del nazifascismo l'hanno detto, quando erano sotto processo:
bisogna far credere che il nemico è alle porte per scatenare una
guerra. Per avere vantaggi elettorali, tu fai credere che esista un
pericolo, lo inventi, lo gonfi. Si sa benissimo che la stragrande
maggioranza di queste persone cercando di fare tranquillamente la loro
vita. In fatto di criminalità , poi, noi italiani abbiamo da insegnare
a tutto il mondo. Siamo la gente dei Totò Riina, dei Bernardo
Provenzano. Siamo questo Paese, in cui quattro Regioni sono quasi
interamente in mano alla malavita organizzata, e andiamo a raccontare
che il nemico è fuori. Da qui si capisce la trappola. Purtroppo la
gente è fragile, non ha avuto una robusta educazione democratica.
L'unica cosa che funzionava nelle scuole era l'educazione civica. E'
stata cancellata. A me interessa poco che uno studente non impari
l'inglese a scuola. Lo imparerà . A me interessa che sia prima di
tutto un buon cittadino. E chi glielo insegna? Chi gli insegna che non
si deve discriminare, che non si deve essere razzisti? E' possibile
che i ragazzi non sappiano che gli italiani sono stati oggetto di
discriminazione razziale? Chi gli insegna che non bisogna
discriminare, che non bisogna essere razzisti? E' possibile che questi
ragazzi non sappiano che gli italiani sono stati oggetto di
discriminazione razziale? Che i razzisti americani negli anni '10 li
consideravano negroidi? Non ricordiamo più che c'erano le scritte
'vietato agli italiani e ai cani'? Perché nessuno racconta la memoria
del dolore? Non sappiamo più che gli italiani emigrati sono stati 27
milioni in un secolo, e 4 milioni sono stati clandestini irregolari.
Allora? Andava bene quando li vessavano, li picchiavano, quando si
mandavano alla forca innocenti come Sacco e Vanzetti solo perché erano
italiani? Ecco qual'è il problema. La memoria corta. Che noi siamo
stati complici della più feroce dittatura del Novecento e della
Storia. Abbiamo già dimenticato? E' ora di alzare la voce. Di
rialzare la testa. E' ora di non farsi più ingannare dalle trappole
razziste. Chi prende questi provvedimenti è un razzista. Punto e
basta.

Essendo falliti i tentativi di riconoscimento politico, sociale e
civile, ciò che resta di questi individui non è che la 'nuda vita',
considerata secondo i parametri del filosofo Giorgio Agamben, che con
la sua 'biopolitica' postulava la presa in carico da parte del potere
del corpo dell'individuo. Dove si va seguendo questa strada?
Si va verso il totalitarismo. Agamben ha descritto i Cpt come dei
lager. Chiaro che non sono dei lager. Ma la forma giuridica e la forma
mentis di chi li ha ispirati, sì. Cosa è stato fatto con gli ebrei? Li
si è disumanizzati, dicendo che non sono uomini. Poi si può fare di
loro ciòche si vuole, dato che sono clandestini, non esistono. Non
sono protetti dalla Convenzione di Ginevra. Perché sono clandestini.
Non lo si chiama signor Mohamed Abdullah, lo si chiama clandestino.
Ecco dov'è il principio della logica totalitaria. Il clandestino non
ha più profilo. E' un individuo-massa. E' un individuo non garantito
da statuti precisi. E allora questa non si può che chiamare barbarie.
http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idc=7&idart=11572
M. Carfagna
2008-07-12 18:38:45 UTC
Permalink
Post by giovanni2
Io sono molto orgoglioso di
sapere che abbiamo una rivista come Famiglia Cristiana, che ha scritto
l'articolo più duro, più chiaro, più emotivo, facendo riferimento ai
valori cristiani. Bisogna far capire che se Gesù nascesse adesso
nascerebbe in un campo nomadi, piaccia o non piaccia. E se non si
capisce il valore profondo dei principi etici, laici o cristiani che
siano, allora è la deriva, non si sa dove si va a finire. Sarebbe bene
coinvolgere tutti, aldilà degli schieramenti politici. Per un
cristiano che si riconosce come tale, l'aggressione all'umile,
all'indifeso, al degradato, è un vulnus stesso al Cristianesimo.
Cristo scelse di esercitare il suo magistero tra gli umili, tra gli
ultimi, tra i disperati. Ignorare tutto ciò significa far implodere il
Cristianesimo sotto una crosta insignificante. Molti cristiani sentono
questa urgenza di protesta, e meno male.
traduzione:
che bella cosa il Cristianesimo
Post by giovanni2
Per quanto riguarda gli
ebrei, va da sé che solo una parte fa il loro dovere, qualcuno cerca
di barcamenarsi non tanto in cambio di piccoli favori personali, ma
occhieggiando al governo di Israele. Questa è una cosa molto brutta.
Traduzione:
che schifo gli ebrei
giovanni2
2008-07-12 18:51:26 UTC
Permalink
Post by M. Carfagna
Post by giovanni2
Cristo scelse di esercitare il suo magistero tra gli umili, tra gli
ultimi, tra i disperati. Ignorare tutto ciò significa far implodere il
Cristianesimo sotto una crosta insignificante. Molti cristiani sentono
questa urgenza di protesta, e meno male.
che bella cosa il Cristianesimo
molti cristiani purtroppo non sono nè il cristianesimo nè il Papa.
Post by M. Carfagna
Post by giovanni2
Per quanto riguarda gli
ebrei, va da sé che solo una parte fa il loro dovere, qualcuno cerca
di barcamenarsi non tanto in cambio di piccoli favori personali, ma
occhieggiando al governo di Israele. Questa è una cosa molto brutta.
che schifo gli ebrei
no, che schifo certi ebrei, come la Nirenstein, che continua a
rimanere in un governo fascista esattamente come quello che 70 anni fa
faceva le leggi razziali contro gli ebrei.
M. Carfagna
2008-07-12 19:37:49 UTC
Permalink
Post by M. Carfagna
Post by giovanni2
Cristo scelse di esercitare il suo magistero tra gli umili, tra gli
ultimi, tra i disperati. Ignorare tutto ciò significa far implodere il
Cristianesimo sotto una crosta insignificante. Molti cristiani sentono
questa urgenza di protesta, e meno male.
che bella cosa il Cristianesimo
molti cristiani purtroppo non sono nè il cristianesimo nè il Papa.
Post by giovanni2
Per quanto riguarda gli
ebrei, va da sé che solo una parte fa il loro dovere, qualcuno cerca
di barcamenarsi non tanto in cambio di piccoli favori personali, ma
occhieggiando al governo di Israele. Questa è una cosa molto brutta.
che schifo gli ebrei
no, che schifo certi ebrei, come la Nirenstein, che continua a
rimanere in un governo fascista esattamente come quello che 70 anni fa
faceva le leggi razziali contro gli ebrei.
guarda, abbiamo capito la traduzione
La tua chiosa è inutile
.sergio.
2008-07-12 22:25:36 UTC
Permalink
Post by giovanni2
no, che schifo certi ebrei, come la Nirenstein, che continua a
rimanere in un governo fascista esattamente come quello che 70 anni fa
faceva le leggi razziali contro gli ebrei.
quoto.
Dili Beria
2008-07-12 19:46:34 UTC
Permalink
Post by M. Carfagna
Post by giovanni2
Io sono molto orgoglioso di
sapere che abbiamo una rivista come Famiglia Cristiana, che ha scritto
l'articolo più duro, più chiaro, più emotivo, facendo riferimento ai
valori cristiani. Bisogna far capire che se Gesù nascesse adesso
nascerebbe in un campo nomadi, piaccia o non piaccia. E se non si
capisce il valore profondo dei principi etici, laici o cristiani che
siano, allora è la deriva, non si sa dove si va a finire. Sarebbe bene
coinvolgere tutti, aldilà degli schieramenti politici. Per un
cristiano che si riconosce come tale, l'aggressione all'umile,
all'indifeso, al degradato, è un vulnus stesso al Cristianesimo.
Cristo scelse di esercitare il suo magistero tra gli umili, tra gli
ultimi, tra i disperati. Ignorare tutto ciò significa far implodere il
Cristianesimo sotto una crosta insignificante. Molti cristiani sentono
questa urgenza di protesta, e meno male.
che bella cosa il Cristianesimo
Post by giovanni2
Per quanto riguarda gli
ebrei, va da sé che solo una parte fa il loro dovere, qualcuno cerca
di barcamenarsi non tanto in cambio di piccoli favori personali, ma
occhieggiando al governo di Israele. Questa è una cosa molto brutta.
che schifo gli ebrei
Rotfl. Proprio così.
D'altronde uno che fa teatro deve sapere cosa si aspetta il suo pubblico.

Lo dice anche Luca Logi.

Db
Namib
2008-07-12 19:53:21 UTC
Permalink
Post by Dili Beria
Post by M. Carfagna
che schifo gli ebrei
Rotfl. Proprio così.
D'altronde uno che fa teatro deve sapere cosa si aspetta il suo pubblico.
Lo dice anche Luca Logi
Che palle. Impariamo da Voltaire:
----------------------------------------------
Quando il duca di La Rochefoucauld ebbe scritto le sue massime sull’amor
proprio, ed ebbe messo in rilievo questa molla che tiene in piedi
l’uomo, un tale signor Esprit, dell’Oratoire, scrisse un libro capzioso,
intitolato De la fausseté des vertus humaines. In esso sostiene che non
esiste alcuna virtù; ma, per fortuna, termina ogni capitolo rinviandoci
alla carità cristiana. Così, secondo messer Esprit, né Catone, né
Aristide, né Marco Aurelio, né Epitteto erano gente perbene; gente
perbene se ne può trovare soltanto fra i cristiani. Fra i cristiani, non
c’è virtù se non fra i cattolici; fra i cattolici, bisogna ancora
eccettuare i gesuiti, nemici degli oratoriani; pertanto, la virtù non si
troverebbe che tra i nemici dei gesuiti.

Il signor Esprit comincia col dire che la prudenza non è una virtù;
infatti, argomenta, è spesso ingannata. È come se si dicesse che Cesare
non era un grande condottiero, perché fu sconfitto a Durazzo.

Se il signor Esprit fosse stato un filosofo, non avrebbe considerato la
prudenza una virtù, ma un dono, una qualità utile, felice; perché uno
scellerato può essere prudentissimo, e ne ho conosciuti di questa
specie. Oh, la follia di pretendere che Nul n’aura de vertu que nous et
nos amis!

Che cos’è la virtù, amico mio? È il fare del bene; fanne, e questo
basterà. Sulle ragioni non staremo a indagare. E che! Secondo te non ci
sarebbe nessuna differenza fra il presidente De Thou e Ravaillac, fra
Cicerone e quel Popilio cui aveva salvato la vita, e che lo decapitò per
denaro? E dichiarerai che Epitteto e Porfirio erano dei furfanti perché
non seguirono i nostri dogmi? Una tale insolenza mi disgusta. Non
aggiungerò altro, per non lasciarmi trasportare dalla collera.
---------------------------------------------------------
Quoto in toto.

Namib
Dili Beria
2008-07-12 20:37:43 UTC
Permalink
Post by Namib
Post by Dili Beria
Post by M. Carfagna
che schifo gli ebrei
Rotfl. Proprio così.
D'altronde uno che fa teatro deve sapere cosa si aspetta il suo pubblico.
Lo dice anche Luca Logi
[cut]
Post by Namib
Quoto in toto.
Perché no?

Però non capisco se vuole essere una critica all'articolo abbastanza
penoso di Ovadia oppure alla sua "traduzione" (molto spiritosa, e IMHO,
fedele)

Nota che io ho abbastanza simpatia per Ovadia, anche perché mi è
capitato di sentirne commentare il lavoro da alcuni conoscenti
anti"sionisti", comunisti e cattolico-comunisti. Mi è diventato chiaro
che a certi livelli non basta essere un ebreo "buono" per essere
accettato. Il che mi rende commovente lo sforzo di avvicinamento a certi
target politico-culturali.

Ovadia ha scelto di fare (molto in sedicesimo) un lavoro alla Singer:
raccontare il mondo ebraico ai non ebrei, con un discreto successo
(anche qui in sedicesimo). Un'operazione che capisco benissimo,
perfettamente legittima, ma di cui mi sono chiare anche le difficoltà.

Come nel caso dell'originale, le volgarizzazioni e le banalizzazioni,
che sono inevitabili quando si "traduce" il folklore fuori dalla cultura
di riferimento hanno creato una catena di diffidenze, aggravate dalla
politica. Ovadia (non essendo Singer) ne ha probabilmente risentito più
del necessario.

La spirale è arrivata al punto che da un lato gli vengono rivolte accuse
grottesche, da somari (Goebbels! Eichmann!). Dall'altro lui reagisce con
crescente senso della propria importanza politica, spirituale,
artistica, universale. Insomma con toni spiritati alla Prospero Pirotti.

Inutile dire che ciò non ferma la spirale, anzi.

L'articolo mi sembra un efficace esempio del grado di follia che la cosa
ha raggiunto.

Db
M. Carfagna
2008-07-13 09:22:51 UTC
Permalink
Post by Namib
---------------------------------------------------------
Quoto in toto.
già, anche perché Voltaire non c'entra una mazza, con permesso
חבלייו
2008-07-12 21:48:46 UTC
Permalink
Post by M. Carfagna
Post by giovanni2
Io sono molto orgoglioso di
sapere che abbiamo una rivista come Famiglia Cristiana, che ha scritto
usti, Moni Ovadia che esalta Famiglia Cristiana. Per le posizioni su
bioetica e scuola pubblica, immagino.
Post by M. Carfagna
Post by giovanni2
Per quanto riguarda gli
ebrei, va da sé che solo una parte fa il loro dovere, qualcuno cerca
di barcamenarsi non tanto in cambio di piccoli favori personali, ma
occhieggiando al governo di Israele. Questa è una cosa molto brutta.
che schifo gli ebrei
già: Israele è uno dei pochi argomenti grazie ai quali gli ebrei
italiani escono dal torpore politico. E' non è sputando addosso a
questo fatto che si costruisce consenso. Ma ormai è chiaro che a Moni
Ovadia non interessa il consesìnso degli ebrei d'Italia.
giovanni2
2008-07-12 21:58:33 UTC
Permalink
Post by חבלייו
Post by giovanni2
Io sono molto orgoglioso di
sapere che abbiamo una rivista come Famiglia Cristiana, che ha scritto
usti, Moni Ovadia che esalta Famiglia Cristiana. Per le posizioni su
bioetica e scuola pubblica, immagino.
no, pirla, per le leggi razziali di cui tu te ne sbatti allegramente.
Post by חבלייו
ormai è chiaro che a Moni
Ovadia non interessa il consesìnso degli ebrei d'Italia.
e giustamente: Moni Ovadia è italiano, non solo ebreo. A differenza di
certa gente la cui italianità si esaurisce nello stipendio da
parlamentare
Persio
2008-07-12 22:29:34 UTC
Permalink
Post by חבלייו
Post by M. Carfagna
Post by giovanni2
Io sono molto orgoglioso di
sapere che abbiamo una rivista come Famiglia Cristiana, che ha scritto
usti, Moni Ovadia che esalta Famiglia Cristiana. Per le posizioni su
bioetica e scuola pubblica, immagino.
Nota bene, gentile lettore, la tecnica allusiva da viscido calunniatore
di costui.

Al prossimo post darà per certo e confermato che Ovadia sostiene le
posizioni di Famiglia Cristiana su bioetica e scuola pubblica e non,
solo e unicamente, le tesi esposte nel duro e bell'articolo sui Rom, che
ha carattere tanto generale da essere condivisibile da tutti gli
antirazzisti, di qualunque ideologia o fede siano.
Post by חבלייו
Post by M. Carfagna
Post by giovanni2
Per quanto riguarda gli
ebrei, va da sé che solo una parte fa il loro dovere, qualcuno cerca
di barcamenarsi non tanto in cambio di piccoli favori personali, ma
occhieggiando al governo di Israele. Questa è una cosa molto brutta.
che schifo gli ebrei
già: Israele è uno dei pochi argomenti grazie ai quali gli ebrei
italiani escono dal torpore politico.
E vanno a destra, come l'autore del post che commento.
Ed è questa la vera motivazione del livore contro Ovadia: che lui è di
sinistra, e giudica la realtà secondo le sue convinzioni di uomo di
sinistra e non, come vorrebbero questi disonesti figuri, secondo le
esigenze del nazionalismo ebraico più becero mascherato da "sionismo".
Post by חבלייו
E' non è sputando addosso a
questo fatto che si costruisce consenso. Ma ormai è chiaro che a Moni
Ovadia non interessa il consesìnso degli ebrei d'Italia.
Per fortuna no, benché immagino che questa scelta comporti un prezzo
personale da pagare.
--
[namib] Posso legalmente inneggiare al comunismo, ma non al fascismo.
L'una appartenenza è appunto *criminale*, l'altra no.
[tonibaruch] Purtroppo abbiamo questa legge idiota, è vero.
http://groups.google.it/group/it.politica.internazionale/tree/browse_frm/thread/3f0249225d16ae1d/9d60fe69c1a4658e
Dili Beria
2008-07-12 22:36:56 UTC
Permalink
Post by Persio
Ed è questa la vera motivazione
Dice il mago Persio sfregando la sua palla la cristallo.
Post by Persio
del livore contro Ovadia: che lui è di
sinistra
Caro Persio, a parte te, le cui fonti cattofasciste e razziste
"classiche" sono state da tempo esposte, credo che tutti i protagonisti
di questa discussione siano, chi più chi meno, chi riformisticamente,
chi bolscevicamente, di sinistra.

E' un modo un po' elaborato per spiegare che sei un pirla.

Db
Persio
2008-07-12 23:18:42 UTC
Permalink
Post by Dili Beria
Post by Persio
Ed è questa la vera motivazione
Dice il mago Persio sfregando la sua palla la cristallo.
Post by Persio
del livore contro Ovadia: che lui è di sinistra
Caro Persio, a parte te, le cui fonti cattofasciste e razziste
"classiche" sono state da tempo esposte,
Considera, cortese lettore, che questa è una falsità degna dell'altro
osceno figuro che ho precedentemente segnalato.
Post by Dili Beria
credo che tutti i protagonisti
di questa discussione siano, chi più chi meno, chi riformisticamente,
chi bolscevicamente, di sinistra.
E' un peccato, per te, che non basti rilasciare a se stessi certificati
di appartenenza alla Sinistra per essere di sinistra: contano i fatti,
le cose che si dicono, le convinzioni profonde che si manifestano.

Tu, in particolare, potresti al massimo definirti (nazional)socialista,
e saresti più credibile.
Post by Dili Beria
E' un modo un po' elaborato per spiegare che sei un pirla.
ROTFL, povero bagarozzo.
--
[namib] Posso legalmente inneggiare al comunismo, ma non al fascismo.
L'una appartenenza è appunto *criminale*, l'altra no.
[tonibaruch] Purtroppo abbiamo questa legge idiota, è vero.
http://groups.google.it/group/it.politica.internazionale/tree/browse_frm/thread/3f0249225d16ae1d/9d60fe69c1a4658e
Cortese Lettore
2008-07-13 04:14:20 UTC
Permalink
Post by Persio
Post by Dili Beria
Caro Persio, a parte te, le cui fonti cattofasciste e razziste
"classiche" sono state da tempo esposte,
Considera, cortese lettore, che questa è una falsità degna dell'altro
osceno figuro che ho precedentemente segnalato.
Ho considerato questa tua appassionata autocertificazione, caro user
Persio. Purtroppo le tue affermazioni stampate su
www.pirlatedipersio.blogspot.com sembrano contraddirla.
Post by Persio
Post by Dili Beria
credo che tutti i protagonisti di questa discussione siano, chi più
chi meno, chi riformisticamente, chi bolscevicamente, di sinistra.
E' un peccato, per te, che non basti rilasciare a se stessi certificati
di appartenenza alla Sinistra
Ecco appunto.
Lassa sta'.

Cort. Lett.
חבלייו
2008-07-13 05:03:18 UTC
Permalink
Post by Persio
E' un peccato, per te, che non basti rilasciare a se stessi certificati
di appartenenza alla Sinistra per essere di sinistra: contano i fatti,
le cose che si dicono, le convinzioni profonde che si manifestano.
e la tua convinzione a proposito del potere religioso ebraico quale è,
Persio?
Mony Vibescu
2008-07-12 23:00:20 UTC
Permalink
Post by Persio
Al prossimo post darà per certo e confermato che Ovadia sostiene le
posizioni di Famiglia Cristiana su bioetica e scuola pubblica e non,
solo e unicamente, le tesi esposte nel duro e bell'articolo sui Rom, che
ha carattere tanto generale da essere condivisibile da tutti gli
antirazzisti, di qualunque ideologia o fede siano.
Timeo Danaos et dona ferentes... Io "Famiglia cristiana" non lo
citerei mai, nemmeno se pubblicasse un mio intervento. Non a caso,
infatti, ho una "y" al posto della "i".


--
Baci,
Mony
Persio
2008-07-12 23:28:40 UTC
Permalink
Post by Mony Vibescu
Post by Persio
Al prossimo post darà per certo e confermato che Ovadia sostiene le
posizioni di Famiglia Cristiana su bioetica e scuola pubblica e non,
solo e unicamente, le tesi esposte nel duro e bell'articolo sui Rom, che
ha carattere tanto generale da essere condivisibile da tutti gli
antirazzisti, di qualunque ideologia o fede siano.
Timeo Danaos et dona ferentes... Io "Famiglia cristiana" non lo
citerei mai, nemmeno se pubblicasse un mio intervento. Non a caso,
infatti, ho una "y" al posto della "i".
E' senz'altro una tua legittima scelta quella di porre limiti e confini
invalicabili che trascendano, all'occorrenza, anche la sostanza delle cose.

Registro l'informazione: per te Famiglia Cristiana non può, per
definizione, pubblicare nulla di condivisibile.

Se questo giustifichi la 'y' al posto della 'i' lo lascio giudicare al
lettore.
--
[namib] Posso legalmente inneggiare al comunismo, ma non al fascismo.
L'una appartenenza è appunto *criminale*, l'altra no.
[tonibaruch] Purtroppo abbiamo questa legge idiota, è vero.
http://groups.google.it/group/it.politica.internazionale/tree/browse_frm/thread/3f0249225d16ae1d/9d60fe69c1a4658e
חבלייו
2008-07-13 05:04:25 UTC
Permalink
Post by Persio
Post by Mony Vibescu
Post by Persio
Al prossimo post darà per certo e confermato che Ovadia sostiene le
posizioni di Famiglia Cristiana su bioetica e scuola pubblica e non,
solo e unicamente, le tesi esposte nel duro e bell'articolo sui Rom, che
ha carattere tanto generale da essere condivisibile da tutti gli
antirazzisti, di qualunque ideologia o fede siano.
Timeo Danaos et dona ferentes... Io "Famiglia cristiana" non lo
citerei mai, nemmeno se pubblicasse un mio intervento. Non a caso,
infatti, ho una "y" al posto della "i".
E' senz'altro una tua legittima scelta quella di porre limiti e confini
invalicabili che trascendano, all'occorrenza, anche la sostanza delle cose.
Registro l'informazione: per te Famiglia Cristiana non può, per
definizione, pubblicare nulla di condivisibile.
tu invece provi l'orgasmo perché su un periodico cattolico un ebreo
condanna Israele e gli altri ebrei in nome del vero ebraismo. Capperi,
davvero qualcosa di nuovo.
Stefano De Cesari
2008-07-13 06:27:18 UTC
Permalink
Post by Persio
Post by Mony Vibescu
Timeo Danaos et dona ferentes... Io "Famiglia cristiana" non lo
citerei mai, nemmeno se pubblicasse un mio intervento. Non a caso,
infatti, ho una "y" al posto della "i".
E' senz'altro una tua legittima scelta quella di porre limiti e confini
invalicabili che trascendano, all'occorrenza, anche la sostanza delle cose.
Registro l'informazione: per te Famiglia Cristiana non può, per
definizione, pubblicare nulla di condivisibile.
Registra invece che da *PIRLA* quale sei non hai capito un ca**o
come al solito.
Infatti ha scritto che non la citerebbe *NEMMENO SE PUBBLICASSE UN
SUO INTERVENTO*.

-Stefano
M. Carfagna
2008-07-13 09:29:20 UTC
Permalink
Post by Mony Vibescu
Timeo Danaos et dona ferentes...
bravo
citazione azzeccatissima
Post by Mony Vibescu
Io "Famiglia cristiana" non lo
citerei mai, nemmeno se pubblicasse un mio intervento. Non a caso,
infatti, ho una "y" al posto della "i".
quoto :-)))
חבלייו
2008-07-13 05:02:01 UTC
Permalink
Post by Persio
Nota bene, gentile lettore, la tecnica allusiva da viscido calunniatore
di costui.
Al prossimo post darà per certo e confermato che Ovadia sostiene le
posizioni di Famiglia Cristiana su bioetica e scuola pubblica e non,
solo e unicamente, le tesi esposte nel duro e bell'articolo sui Rom, che
ha carattere tanto generale da essere condivisibile da tutti gli
antirazzisti, di qualunque ideologia o fede siano.
salve a tutti, questo è il mio post successivo.
Vorrei fare notare che i campi nomadi sono stati una brillante pensata
delle giunte rosse degli anni Settanta (1), in cooperazione con il
volontariato cattolico. Sono dati che Famiglia Cristiana,
curiosamente, dimentica.
Delle cazzate di Moni Ovadia mi importa poco. So che Persio ha
previsto che nel mio prossimo post (questo) avrei scritto qualcosa di
altro, ma Persio, come ogni lettore sa, è un pirla che pertanto
sbaglia le sue previsioni.

(1) accompagnate da demenziali progetti "per la tutela della cultura
dei nomadi" che in pratica significavano classi separate per i bambini
rom. Uno dei più patetici fallimenti italiani nella questione del
multiculturalismo (comprensibile: in quell'epoca l'italia era ancora
un Paese di emigrazione, peraltro).
Post by Persio
Post by חבלייו
Ma ormai è chiaro che a Moni
Ovadia non interessa il consesìnso degli ebrei d'Italia.
Per fortuna no,
possiamo quindi assumere che Moni Ovadia non è interessato a
rappresentare gli ebrei italiani. Ci sarebbe da chiedersi per quale
ragione continua a dire che il suo ebraismo è quello corretto. Forse
gli ebrei italiani hanno dimenticato i loro costumi tipici. Si
potrebbe aiutare a recuperarli con delle leggi adeguate, no?
M. Carfagna
2008-07-13 09:31:01 UTC
Permalink
Post by חבלייו
Vorrei fare notare che i campi nomadi sono stati una brillante pensata
delle giunte rosse degli anni Settanta (1), in cooperazione con il
volontariato cattolico. Sono dati che Famiglia Cristiana,
curiosamente, dimentica.
dimentica anche di dire che è di ieri la notizia che la Croce Rossa italiana
si è offerta per aiutare lo Stato nella schedatura dei Rom

Stefano De Cesari
2008-07-13 06:14:15 UTC
Permalink
Post by Persio
Post by חבלייו
Post by giovanni2
Io sono molto orgoglioso di
sapere che abbiamo una rivista come Famiglia Cristiana, che ha scritto
usti, Moni Ovadia che esalta Famiglia Cristiana. Per le posizioni su
bioetica e scuola pubblica, immagino.
Nota bene, gentile lettore, la tecnica allusiva da viscido calunniatore
di costui.
Al prossimo post darà per certo e confermato che Ovadia sostiene le
posizioni di Famiglia Cristiana su bioetica e scuola pubblica
Lui e' un "viscido calunniatore" ..... perche' un *PIRLA* di nome
Persio vede il futuro e sa quindi che "al prossimo post dara' per
certo e confermato che Ovadia sostiene le posizioni di Famiglia
Cristiana su bioetica e scuola pubblica", giusto povero *PIRLA*? :)
*LOL*
Post by Persio
Post by חבלייו
già : Israele è uno dei pochi argomenti grazie ai quali gli ebrei
italiani escono dal torpore politico.
E vanno a destra, come l'autore del post che commento.
Certo, certo... :)
*pat pat*

-Stefano
Continua a leggere su narkive:
Loading...